Quando la nave salpa

«Quando la nave salpa per un po’ si rimane a poppa
a guardare il molo che si allontana.
Possiamo rimanerci pochi minuti o anche un’ora,
dipende da cosa lasciamo.
Poi andiamo a prua,
e allora il vento ci si infila sotto la giacca
e ci scompiglia i capelli.
È quello il momento in cui il nuovo viaggio ha veramente inizio.»

 – Paolo Ganz, “Piccolo taccuino adriatico” –

 

Colpisce aver vissuto sta roba qua e poi ritrovare le stesse emozioni scritte da un altro… Il mare parla una lingua che molti comprendono.
[Grazie a Siu per la segnalazija]

Share & like:

Un pericolo meno ignoto. Pioggia senza vento uscendo da Sali

[Non ricordo chi raccontava che i marinai “quelli veri” sentono la burrasca in arrivo nell’odore dell’aria, diverse ore prima che arrivi] Sulla rotta Ravenna-Spalato facciamo tappa a Sali per fare dogana, sempre coi tempi indefiniti dettati dalla quasi proverbiale solerzia delle forze di polizia croate. Ma prima o poi dovremo…

Continue reading

Pescare alla traina

Per quest’anno abbiamo comprato un set canna+mulinello e svariate esche artificiali. Ad ogni partenza, dopo aver sistemato la coperta (e nel caso dato vela), caliamo la traina, nella speranza davvero poco convinta di veder abboccare uno sgombro, una palamite (sarda sarda), un sugarello, financo un tonnetto alletterato. Con il terrore…

Continue reading